Mosaico di Alessandro e Dario da Pompei

Il mosaico di Alessandro e Dario, oggi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, raffigurante la battaglia di Isso del 333 a.C., fu sistemato alla fine del II secolo a.C. all’interno dell’esedra della casa del Fauno a Pompei. Si tratta della copia di un originale di Philoxenos di Eretria, autore che, secondo Plinio, avrebbe realizzato un quadro avente come tema un Alexandri proelium cum Dario, eseguito intorno alla fine del IV secolo a.C. per il generale macedone, Cassandro.
Foto di Miriam Calderano, Museo Archeologico Nazionale (Napoli)
Il mosaico è realizzato con la tecnica dell’opus vermiculatum: la denominazione di vermiculatum deriva dal latino vermiculus, vermicello, in riferimento alla sottigliezza e anche alla forma a volte ondulata della linea di contorno, che caratterizzava questo tipo di mosaico. Raffigura Alessandro e l’esercito attaccare l’armata persiana, mentre al centro l’auriga tenta di portare in salvo Dario III, il quale sollecita ancora i persiani in rotta. Lucio Fiorini ricorda come la diffusione di scene di battaglia, già testimoniata in età classica, goda di un ben preciso successo soprattutto a partire dalla seconda metà del IV secolo a.C., in relazione alle imprese di Alessandro e dei suoi generali.

È stata sottolineata la valenza eroicizzante delle figurazioni del dinasta a cavallo in combattimento e il carattere “personalizzato” di queste rappresentazioni che presuppongono una visione della storia come opera di pochi. È a questa concezione che si richiamano, tra la fine del III e il II secolo a.C., i novi homines della politica romana, forti del ruolo da essi rivestito grazie al controllo degli eserciti e alla gestione di ingenti ricchezze, un potere che si traduce ideologicamente nella imitatio Alexandri e nel costante richiamo ai modelli di autorappresentazione dei dinasti ellenistici.

Io adoro il nostro Museo! Visitarlo non mi stanca mai: mi racconta ogni volta qualcosa di nuovo, come ogni altro museo del resto.

Un abbraccio,

Miriam

   

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *