L’isola che non c’è, Edoardo Bennato

L’ISOLA CHE NON C’È

Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino poi la strada la trovi da te porta all’isola che non c’è

Forse questo ti sembrerà strano ma la ragione ti ha un po’ preso la mano ed ora sei quasi convinto che non può esistere un’isola che non c’è

E a pensarci, che pazzia è una favola, è solo fantasia e chi è saggio, chi è maturo lo sa non può esistere nella realtà

Son d’accordo con voi non esiste una terra dove non ci son santi né eroi e se non ci son ladri se non c’è mai la guerra forse è proprio l’isola che non c’è, che non c’è

E non è un’invenzione e neanche un gioco di parole se ci credi ti basta perché poi la strada la trovi da te

Son d’accordo con voi niente ladri e gendarmi ma che razza di isola è? Niente odio e violenza né soldati né armi forse è proprio l’isola che non c’è, che non c’è

Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino non ti puoi sbagliare perché, quella è l’isola che non c’è

E ti prendono in giro se continui a cercarla ma non darti per vinto perché chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle forse è ancora più pazzo di te.

 

Un abbraccio a tutti,

Miriam

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *